LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY: REPORT DI CONFINDUSTRIA DEL 2021 E IL PROGETTO “BRAVE ITALY”

LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY: REPORT DI CONFINDUSTRIA DEL 2021 E IL PROGETTO “BRAVE ITALY”

Confindustria pubblica il rapporto 2021 “Esportare la dolce vita” sulle Eccellenze Made in Italy, nella quale descrive il valore di 135 miliardi di euro nell’esportazione delle eccellenze italiane “Bello e Ben Fatto (BBF)” in tutti i principali settori, dove spiccano quelli delle tre F: “Fashion, Food end Forniture” per la qualità e riconoscibilità dei prodotti.

 

Dal rapporto emerge anche che, per l’Italia, il potenziale delle esportazioni potrebbe essere maggiore di altri 82 miliardi di euro, di cui 62 miliardi di euro nei paesi avanzati e 20 miliardi di euro nei paesi emergenti. A questo, si aggiunge l’attenzione alla Cina che risulta essere il competitor principale sui prodotti del “Bello e Ben Fatto”.

 

Secondo la Vicepresidente Barbara Beltrame Giacomello, per l’internazionalizzazione, bisognerebbe puntare sull’e-commerce dove l’Italia risulta ancora indietro, nonché creare una “piattaforma europea” per le vendite online.

 

Per valorizzare le eccellenze italiane il presidente di Confindustria Carlo Bonomi, ha affidato il ruolo di ambasciator del Made in Italy a Renzo Rosso, imprenditore ed azionista di Otb. Con il progetto dal nome “Brave Italy”, nasce una nuova sfida per sostenere le imprese italiane. Il primo passo per Renzo Rosso è quello di andare a mappare tutte le eccellenze Made in Italy, in modo tale da delineare un piano che vada a valorizzare i marchi italiani.

 

Per le imprese, Rosso dichiara che risulta fondamentale il cambiamento, andando di pari passo verso la trasformazione tecnologica e sostenibile senza sottovalutare l’aspetto sociale messo a dura prova dall’emergenza Covid.

 

Tante risultano le risorse finanziate per la trasformazione digitale, la formazione e sviluppo delle capacità manageriali, la crescita competitiva e tecnologica delle imprese italiane.

 

Sei interessato e vuoi saperne di più?

 

Scrivici a bandi@pertec.it

 

Oppure telefona a +39 059 460732