GREEN BOND: UNO STRUMENTO DI CRESCITA SOSTENIBILE

GREEN BOND: UNO STRUMENTO DI CRESCITA SOSTENIBILE

 

I Green Bond sono obbligazioni, la cui emissione è legata a progetti che hanno un impatto positivo per l’ambiente: tra gli altri ricordiamo l’efficienza energetica, la produzione di energia da fonti pulite, l’uso sostenibile dei terreni ecc.

Secondo i dati raccolti da Climate Bonds Initiative, organizzazione internazionale che promuove investimenti in progetti e beni necessari alla transizione energetica, nella prima metà dello scorso anno a livello mondiale sono stati emessi green bond per 190,8 miliardi di dollari. E in circolazione ci sono obbligazioni verdi per un ammontare complessivo di 1.273 miliardi di dollari.

 

 

  • Chi può emetterli?

Inizialmente le nuove obbligazioni provenivano principalmente da istituzioni finanziarie sovranazionali, come la Banca mondiale o la Banca Europea per gli Investimenti, poi sul mercato sono arrivati anche titoli emessi da singole aziende, municipalità e agenzie statali, spinti dagli accordi internazionali sul clima. In Italia la prima obbligazione verde è stata lanciata nel 2014 dalla multiutility emiliana Hera: un decennale da 500 milioni di euro. Il primo green bond del mondo è stato invece emesso sul mercato dalla Bei, la Banca europea degli investimenti, il 4 luglio 2007.

 

  • Come ottenere la certificazione green?

Al momento non esiste uno standard globale per certificare come “verde” un determinato bond ma ci sono le linee guida elaborate dall’International Capital Market Association (ICMA). È un’autoregolamentazione che si sono dati i mercati e non vi sono sanzioni. Diverso invece il caso dei green bond UE, titoli certificati da esperti sottoposti a vigilanza dell’ESMA, l’authority che regolamenta i mercati finanziari europei.

 

  • Opportunità di investimento?

Secondo un recente studio dell’Università di Siena, dal lato performance, i green bond battono i bond tradizionali sia a livello aggregato che nei settori analizzati, presentando a parità di duration e rating uno yield più basso (Ytm). Questo indica che a parità di rischiosità, il mercato riconosce un prezzo maggiore ai titoli green rispetto ai tradizionali. Sul fronte della liquidità, invece, i green bond risultano in media leggermente meno liquidi rispetto a quelli tradizionali, anche se non per tutti i settori.

 

Di seguito uno short-list di ETF che investono in Green Bond:

Nome

Società ISIN Spese correnti

Valuta

Franklin Liberty Euro Green Bond UCITS ETF

Franklin Liberty

IE00BHZRR253 0,30%

Euro

Lyxor Green Bond DR UCITS C-EUR

Lyxor

LU1563454310 0,25%

Euro

iShares € Green Bond UCITS ETF EUR Inc

iShares
by BlackRock

IE00BMDBMN04 0,20%

Euro

 

Se vuoi sapere di più su green bond e finanza sostenibile, come opportunità per la tua azienda, noi di Copernico possediamo le competenze e le capacità per supportarti nella scelta ed uso di questi strumenti.

Per ulteriori dettagli, contattaci a copernico@pertec.it

 

 

Quest’articolo è stato scritto a titolo esclusivamente informativo; Ricordo che ogni decisione di investimento e il relativo rischio rimangono a carico dell’investitore. Questo articolo è da ritenersi non personalizzato, ma pensato, scritto ed inviato ad un pubblico indistinto, a scopo esclusivamente informativo. Non costituisce sollecitazione, offerta, consigli, consulenza o raccomandazione all’investimento in quanto tale non vuole incentivare in nessun modo l’acquisto di strumenti finanziari. L’esecuzione di investimenti è rimandata alla supervisione di un professionista di fiducia iscritto ad apposito albo, e saranno quindi a vostro completo rischio, non assumendo l’autore alcuna responsabilità al riguardo.