CREDITO DI IMPOSTA RICERCA & SVILUPPO: CHIARIMENTI DALL’AGENZIA DELL’ENTRATE SULLA DICHIARAZIONE INTEGRATIVA ENTRO QUATTRO ANNI

CREDITO DI IMPOSTA RICERCA & SVILUPPO: CHIARIMENTI DALL’AGENZIA DELL’ENTRATE SULLA DICHIARAZIONE INTEGRATIVA ENTRO QUATTRO ANNI

 

L’interpello 396/2021 e la risposta diffusa il 9 giugno dall’Agenzia delle Entrate rivelano nuove interpretazioni relative alla fruizione del Credito d’Imposta per le attività di R&S che può essere dichiarato anche in un anno successivo alla sua maturazione ma entro il quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione dell’anno in cui è stata effettuata la suddetta attività.

 

L’Agenzia delle Entrate esamina il riconoscimento dei benefici previsti dal Credito d’Imposta 2020 per investimenti in attività di ricerca e sviluppo sostenute nell’anno 2015 e successive al quarto anno a quello di presentazione della stessa.

 

La risposta 396 ricorda che la mancata indicazione nel quadro RU degli investimenti effettuati per le annualità precedenti in cui è maturata l’agevolazione o quelle successive, non è un ostacolo alla sua richiesta. Tuttavia, l’Agenzia delle Entrate precisa che le imprese intenzionate a beneficiare delle suddette agevolazioni debbino obbligatoriamente presentare:

 

  • una dichiarazione integrativa per ciascun periodo d’imposta ancora integrabile, definendo nel quadro RU l’importo del credito spettante;
  • il pagamento per ogni annualità di una sanzione con valore compreso tra euro 250,00 a euro 2.000,00 prevista dall’art. 8, comma 1 del D.lgs. n. 471/97;
  • un’apposita documentazione contabile certificata da un revisore o da una società di revisione legale dei conti iscritti nel registro dei revisori legali.

 

Per ulteriori informazioni

 

Scrivi a copernico@pertec.it

Oppure telefona a 059 460732