20 settembre 2017

BANDO REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZI INNOVATIVI PER LE PMI 2017

La Regione Emilia Romagna ha recentemente deliberato un nuovo bando per supportare le piccole e medie imprese impegnate in percorsi di innovazione tecnologica finalizzati allo sviluppo di nuovi prodotti e/o servizi, all’introduzione di contenuti e processi digitali in grado di modificare il rapporto con clienti e partner, alla ricaratterizzazione dei prodotti e dei servizi in senso fortemente sostenibile e in favore della inclusione e della qualità di vita.

Il bando finanzia l’acquisizione di servizi per

  • consulenze tecnologiche e di ricerca, studi e analisi tecniche;
  • prove sperimentali, misure, calcolo, certificazioni di prodotto;
  • progettazione software, multimediale e componentistica digitale
  • design di prodotto/servizio e concept design;
  • stampa 3D di elementi prototipali;
  • progettazione impianti pilota

Dimensione del progetto: minimo 10.000€, massimo 80.000€

Contributo a fondo perduto: 50% delle spese ammesse

Durata: dal 15/01/2018 al 30/09/2018

Presentazione: dal 16 al 31 ottobre 2017

11 settembre 2017

Credito di Imposta per investimenti pubblicitari su quotidiani, periodici e tv e radio

La Legge n.96 del 21 Giugno 2017 modificando e convertendo il D.L. n.50 del 24 Aprile 2017 ha introdotto un’agevolazione specifica per supportare e incentivare  le imprese che investono in pubblicità attraverso i canali “convenzionali”: quotidiani, periodici, emittenti televisive e radiofoniche, nelle loro versioni analogiche e digitali.

SOGGETTI BENEFICIARI 

Tutte le imprese e i lavoratori autonomi che a partire dal 2018 effettuano investimenti in misura incrementale almeno superiore al 1% rispetto alle anloghe spese dell’anno precedente per campagne pubblicitarie su

  • Stampa quotidiana e periodica.
  • Emittenti televisive locali analogiche e digitali.
  • Emittenti radiofoniche locali analogiche e digitali.

ENTITA’ DEGLI INCENTIVI 

L’agevolazione è riconosciuta sulla spesa incrementale per investimenti pubblicitari nei media sopra citati a partire dal 2018 nella seguente misura:

  • Grandi Imprese: 75% della spesa incrementale.
  • Piccole Medie Imprese e start up innovative: 90% della spesa incrementale.

E’ attesa la pubblicazione della normativa attuativa per definire l’entità massima della spesa incrementale, ovvero del credito di imposta ammissibile ai sensi della agevolazione.

COME SI ACCEDE

Si accede in maniera automatica in fase di redazione di bilancio e tramite autocertificazione.

Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione previa istanza diretta al Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei ministri.

E’ attesa circolare attuativa contenente i dettagli della normativa.

4 agosto 2017

INDUSTRIA 4.0: prorogato il termine per il completamento degli investimenti al 30 Settembre 2018

Con il “Decreto Sud” il Governo ha ratificato l’ulteriore proroga al 30 Settembre 2018 per il completamento degli investimenti Industria 4.0. Al momento resta fermo il vincolo dell’ordine e dell’anticipo del 20% entro il 31 Dicembre 2017.

Il successo della misura industria 4.0 ha spinto il Governo a valutare l’opportunità di estendere di un anno il beneficio.

Entro settembre prossimo saranno completate le simulazioni di sostenibilità per una proroga fino al 31 Dicembre 2018 della data ultima per l’ordine di acquisto dei Beni Strumentali Industria 4.0.

15 aprile 2017

BANDO REGIONE EMILIA ROMAGNA PER PARTECIPAZIONE A FIERE INTERNAZIONALI – 2017

La Regione Emilia Romagna rinnova anche per l’annualità 2017-2018 il bando in sostegno della partecipazione fieristica internazionale. Possono partecipare piccole-medie imprese con sede operativa in Regione Emilia Romagna, in forma singola o aggregata (reti di imprese), attive da almeno 2 anni.

Il bando finanzia:
– spese per partecipazione ad almeno 3 fiere internazionali (costo area espositiva, progettazione/allestimento stand, costo per trasporto materiali, spese per hostess/traduzioni, consulenze per organizzazione di incontri di affari nel corso degli eventi fieristici)
– spese per registrazione marchi (consulenza per la registrazione del marchio e costi di deposito)
– spese per consulenze per certificazione di prodotti/processi per l’export.
Dimensione minima del progetto: 20.000€
Contributo a fondo perduto: 30% delle spese ammesse fino a un max di 30.000€ (120.000€ per reti di imprese)
Durata: entro il 31/12/2018
Scadenza: due finestre temporali per partecipare dal 15 Maggio al 15 Giugno 2017 e dal 11 Settembre al 11 Ottobre 2017

15 aprile 2017

BANDO REGIONE EMILIA ROMAGNA PER PROGETTI DI PROMOZIONE DELL’EXPORT PER IMPRESE NON ESPORTATRICI – 2017

Con una dotazione finanziaria di €10 milioni in 2 anni, l’iniziativa è finalizzata ad accrescere il numero delle imprese esportatrici e quindi la quota di prodotti e servizi esportati. Il bando è destinato alle piccole medie imprese e alle reti formali di PMI, con sede o unità operativa in Regione Emilia-Romagna, attive da almeno due anni e con un fatturato di almeno €700.000 e che negli ultimi due anni abbiano avuto una quota di export inferiore al 10% del fatturato.

Il bando finanzia:
– spese per consulenze per lo sviluppo dell’export (analisi di mercato, sviluppo commerciale export, creazione rete commerciale, temporary export manager, etc),
– spese per consulenze per certificazione di prodotti/processi per l’export,
– spese per partecipazione a fiere internazionali (max 2 fiere)
Dimensione minima del progetto: 50.000€
Contributo a fondo perduto: 40% delle spese ammesse (45% in caso di incremento occupazionale) fino a un max di 100.000€ (400.000€ per reti di imprese)
Durata: entro il 31/12/2018
Scadenza: due finestre per partecipare 15 Maggio- 15 Giugno 2017 e 11 Settembre – 11 Ottobre 2017

5 aprile 2017

INDUSTRIA 4.0 IPERAMMORTAMENTO 250%: Obbligatoria l’analisi tecnica

L’Agenzia delle Entrate con la Circolare n.4/E del 30/03/2017 ha precisato che le imprese che intendono sfruttare il beneficio connesso con l’IPERAMMORTAMENTO di INDUSTRIA 4.0, hanno l’obbligo di acquisire un’analisi tecnica indipendente per descrivere e accertare i requisiti dei beni oggetto dell’agevolazione. La circolare specifica che l’analisi tecnica deve essere conservata dall’impresa per eventuali controlli degli enti preposti e dispone i contenuti necessari per la redazione dell’analisi tecnica.

Articoli recenti